La popolazione della Mongolia è meno di due milioni e mezzo di abitanti. 600 mongoli vivono a Berlino, come ci siano arrivati non lo so.

 

In Bornholmer Str. 10 c’è il Chinggis restaurant, il primo ristorante mongolo in Germania, ma non credo ce ne siano molti altri nel resto d’Europa. Cosa si mangia? Pare non abbiano molta scelta: hanno poche verdure, hanno poche spezie. Hanno latte, carne di manzo e d’agnello. Quindi fanno un macinato misto d’agnello e manzo, una sfoglia di pasta e ne fanno un buuz (tortellone); in umido? Pronta la zuppa. Asciutto? Pronto il secondo. Alternativa per il secondo? Il macinato di cui sopra, la stessa sfoglia ma più fine e il tutto arrotolato assieme: ecco lo Huilaadas. Bevande? D’estate latte raffermo e d’inverno tè, al ristorante avevano queste opzioni: tè, tè con latte e, ehm, tè ai tortellini.

 

Molto buono, ma il tutto si sta ancora aggirando nei nostri stomaci.

 

 

Questa è la copertina di un volumetto in inglese che ho acquistato per un euro alla tenda mongola durante le Asien-Pazifik Wochen che si sono concluse oggi lasciando solo la bandiera cinese e del bangladesh a sventolare davanti al “nostro” Rathaus Neukölln.

 

Lupo

Annunci