Dal 20 al 22 gennaio alla Freie Universität (una delle tre università berlinesi) si vota.

 

Queste sono le liste candidate (ho tralasciato quelle noiose tipo “FSI Etnologia”):

 

Jusos FU. Sezione giovanile del partito di Schröder: SPD

 

Semtix FU – La lista per il Semesterticket. Semesterticket: biglietto agevolato per studenti universitari valido per tutti i mezzi pubblici cittadini. Questi vogliono che il costo attuale del biglietto (109 Euro per un anno accademico) rimanga invariato e sia valido anche per tutto il Brandeburgo

 

Iniziativa studentesca ragionevole. Motto: Non a destra. Non a sinistra. Ragionevole

 

Escherichia cholerica

 

Contro lo sciopero. Motto: Per la protesta. Per una scelta libera. Contro le occupazioni. Contro le soggiogazioni. Spieghiamo: negli ultimi mesi gli studenti universitari berlinesi hanno scioperato, dimostrato (anche correndo nudi tra le bancarelle del mercatino natalizio di Alexander Platz), occupato (sedi universitarie ma anche la redazione della taz e di Zitty e il Rotes Rathaus, il municipio centrale e sede del Senat del Land di Berlino) contro i pesanti tagli all’istruzione universitaria che Berlino e in generale un po’ tutti i Land tedeschi stanno attuando

 

Officina del pensiero. La lista dell’FSI Filosofia

 

KOSER NOSTRA – KHI/FMI. “Koser” si pronuncia “cosa”. Le sigle stanno per le facoltà di storia dell’arte e storia

 

Studentesse di giurisprudenza critiche/AL Jura

 

Lista sindacale Ver.di, GEW, IG-Metall

 

Cafe-Asyl-Liste

 

LHG – Gruppo universitario liberale

 

Lista donne straniere. Motto: Antirazzista, antisessista, cosmopolita

 

Lista antifascista di sinistra

 

Lista antifascista indipendente. Motto: Un po’ di movimento non ha mai fatto male a nessuno. Queste ultime due liste sono nate dalle ceneri della potentissima lista dell’Antifa, caduta tempo fa sotto i colpi dell’autocritica interna

 

UL – Sinistra indipendente

 

Lista frocia indipendente. Mascotte: il teletubbie giallo e il teletubbie viola

 

Studenti contro la carneficina sociale

 

Stranieri e straniere contro il razzismo

 

Studenti fuori corso contro le tasse universitarie. A Berlino, come in gran parte dei Land tedeschi, non si pagano tasse universitarie. Sembra però che non sarà così ancora per molto. In molte città l’università non è già più gratuita

 

SPAR WARS – UNIVERSITY STREIKS BACK. Gioco di parole tra “star” e “Spar” (risparmio) e tra “strikes” e “streiks” (sciopera)

 

Lista anticapitalista

 

Germanistica – Centro protesta

 

Contro le tasse universitarie (lista indipendente)

 

Lista di sinistra. E che maroni!

 

Lista femminista DonneLesbiche. Motto: I can’t think straight: VOTE QUEER! Questa sera io, Lupo e Anna andremo al Soli-party che si terrà all’aha per raccogliere fondi per le DonneLesbiche e per il Café Furiosa, bar gestito da studentesse lesbiche ubicato nell’edificio principale della FU, la Rost und Silber Laube, che rischia di fare la stessa fine del frocio Café Rosa Salon, ovvero di essere chiuso

 

Studenti di scienze politiche e pubblicistica liberali

 

Stranieri e straniere della FU

 

Lokomotive Rohrstock

 

Lista alternativa – Bündnis 90/Grüne. Ovvero i verdi che stanno al governo assieme all’SPD

 

Lista “Multi-Kulti”. Motto: Vino francese, tango argentino, Cristo ebreo, auto giapponese, pizza italiana, caffè brasiliano, Döner Kebab turco, democrazia greca, numeri arabi, scrittura latina. Per una società multiculturale e aperta. Contro la cultura dominante tedesca. Ecologica, emancipatoria, aperta al mondo, colorata.

 

Ale

Annunci