Ancora primo maggio. Mattina. L’unione dei camerati e il partito NPD [tra AN, Fiamma e Forza Nuova] organizza una marcia, si parte da Lichtenberg e si ritorna a Lichtenberg, con in mezzo un po’ di Mitte e Friedrichshain. Antifa e Autonomia rispondono giustamente con una contro-manifestazione che sperabilmente, e normalmente è così, è numericamente più grande. Però, parte di questa Antifa Demo è strutturata per impedire l’altra manifestazione. Si comincia presto dividendosi in piccoli gruppi che cercano di fermare le singole camicie brune prima che si aggreghino al resto del gruppo aspettandoli alle fermate della metro e accerchiandole e si prosegue in gruppi più grossi che tendono di sfondare il cordone della polizia inserendosi nel percorso della Naziaufmarsh, bloccandola in punti chiave come strettoie o ponti, costringendola così a deviare o ad essere annullata.

 

Ora io condivido l’idea della contro-manifestazione, ma l’impedimento fisico e spesso forzatamente violento di una demo, che pur non si condivide, è corretto?

 

Lupo

Annunci