Ho imparato una nuova parola. Su un mensile trovato in casa del mio ospite ho letto che l’intervistato (un pasticcere austriaco) si è presentato all’incontro in jeans e maglietta. Il giornalista dice: “t-shirt streetwear e stile decontracté”.

D’ora in poi intendo usare “décontracté” almeno una volta alla settimana. Anche, o forse soprattutto, a sproposito.

Ale


Annunci