Giovedì scorso Lupo e M. mi hanno portato all’inaugurazione di questa mostra al Museum für Naturkunde.
E chi ti trovo in vetrina nella prima sala dopo gli scheletri dei dinosauri? Il povero Knut e due tra i più cari visitatori del mio giardino: scoiattolo e ghiandaia. Trattandosi della sala dedicata alla tassidermia, la visione è stata traumatica:

naturkunde_eich-hoernchen_-elhaeher

naturkunde_eich-hoernchen_-elhaeher_2

Tra l’altro venivo già sconfortato dalla visita (guidata) di questa mostra del Bode Museum dedicata alle opere d’arte delle collezioni berlinesi andate perdute alla fine del secondo conflitto mondiale: predate dai sovietici? Bruciate negli incendi che nel maggio del 1945 devastarono il deposito allestito nel bunker di Friedrichshain dove svariate opere erano state immagazzinate per salvarle dai bombardamenti? In molti casi non si sa che fine abbiano fatto.
Una mostra tutta in assenza, ovvero con riproduzioni fotografiche dei quadri — il signor Bode aveva fatto fotografare tutti i pezzi esposti al Kaiser Friedrich Museum, ovvero l’odierno Bode Museum — e copie in gesso da calchi antichi delle statue ora disperse, o in presenza fortemente danneggiata dalla guerra, e in alcuni casi successivamente restaurata. A volte restaurata male, come illustra il caso dei due portascudi di Tullio Lombardo.

PIC_0656

Sulla figura che vedete a destra i restauratori (russi, se non sbaglio) negli anni ’50 e ’60 tentarono di rimuovere lo strato di marmo bruciato con acqua ossigenata e becco di Bunsen. Non un’ottima idea.

PIC_0681

Ricostruirono anche alcune parti mancanti con molta finezza ma utilizzando un materiale (resina di poliestere) impossibile da rimuovere in futuro senza danneggiare ulteriormente la statua.

Qui, in due fotografie in bianco e nero scattate dal team di Bode, vediamo che aspetto avevano gli originali e come nell’ultimo decennio del Quattrocento si scolpivano gli uccelli come dio comanda:

PIC_0665

PIC_0662

La visita guidata, tenuta da uno studioso parigino di Donatello, è iniziata con un Botticelli del quale è rimasta solo la cornice, troppo ingombrante per essere trasportata nel bunker, ed è finita con un san Giovanni Battista in bronzo rifatto in gesso grazie ai vecchi calchi conservati nella Gipsformerei. Qui vedete una stampa della fotografia bodiana del Botticelli, con cornice sopravvissuta:

PIC_0626

E in fondo a questa bellissima galleria fotografica del blog ufficiale dei musei statali berlinesi trovate il Giovanni Battista in gesso dipinto.

Uno dei reperti più emozionanti (e fotogenici) è stato questo amorino di Duquesnoy che intaglia un arco, o meglio lo intagliava fino a quando la seconda guerra mondiale non glielo strappò via assieme alle ali:

PIC_0695

In primo piano vedete quel che resta dell’originale, sullo sfondo la copia in gesso. E qui sotto il particolare dell’orecchio perforato, probabilmente da un proiettile:

PIC_0691

Qui il gesso integro:

PIC_0673

Di questa bellissima statua che agli inizi del Novecento veniva ancora considerata un san Giovanni Battista di Michelangelo, e la gente veniva a frotte ad ammirare il Michelangelo berlinese, mentre oggi è ritenuto un Aristeo realizzato da uno dei fratelli Pieratti, nella mostra era esposta solo la riproduzione in gesso perché altro non c’è da esporre:

PIC_0633

PIC_0647

Sullo sfondo della penultima foto scattata dal vostro blogger scorgete anche la fotografia in bianco e nero del primo san Matteo di Caravaggio, una delle perdite che più mi fanno soffrire.

Lo studioso parigino, esperto di arte moderna italiana, che ci guidava in questo lazzaretto e obitorio di opere d’arte diceva che tra le perdite più drammatiche c’è anche l’Educazione di Pan di Luca Signorelli.

Per quanto riguarda i quadri scomparsi molto probabilmente dobbiamo attaccarci al cazzo, anche se qualche anno fa è per esempio venuta fuori una Madonna con bambino italiana che un soldato statunitense si era portato a casa (in mostra l’originale restituito di recente da un discendente del soldatino) e probabilmente altri quadri sono nascosti chissà dove, ma moltissimi sono andati bruciati nell’incendio del bunker e non li rivedremo mai più.

Tra il 1958 e il 1959 l’URRS restituì alla DDR un milione e mezzo di oggetti trafugati dall’armata rossa ma, se non ho capito male, si suppone che un altro milione di pezzi si trovino ancora in Russia. Tra le cose che i russi restituirono in quell’occasione, anche diversi frammenti dell’altare di Pergamo. Non lo sapevo.

PIC_0706

Annunci